4% per tutti e ancora più per le donne

17.08.2006

Manifestazione nazionale salariale

4% per tutti e ancor più per le donne 
 
Il 23 settembre 2006 si terrà sulla piazza federale la manifestazione nazionale salariale organizzata dall’USS. La situazione economica favorevole lascia un margine sufficiente per un aumento cospicuo dei salari reali sia nell’economia privata che nel settore pubblico. Dal 1991 i dipendenti della Confederazione non hanno più ottenuto un aumento reale dei salari e anche il carovita non è più stato concesso in modo integrale. Ad eccezione delle professioni di monopolio le donne guadagnano ancora il 10% in meno rispetto gli uomini. La revisione in corso di PUBLICA costituisce una seria minaccia per il potere d’acquisto dei dipendenti federali. Per tutte queste ragioni garaNto parteciperà con tutte le proprie forze a Berna alla manifestazione nazionale.
 
È arrivato finalmente il momento per un aumento dei salari. Da 15 anni ormai i salari bassi e medi segnano il passo. Dopo la deduzione dei contributi obbligatori, in particolare dei premi delle casse malati, le persone si ritrovano oggi con meno soldi in tasca rispetto al 1990!

È arrivato finalmente il momento per realizzare la parità salariale. A 25 anni dall’introduzione nella Costituzione della norma sulla parità e a 10 anni dalla legge federale sulla parità le donne guadagnano ancora il 20% in meno rispetto agli uomini. Eppure ci sono tutte le premesse per un reale progresso. Negli ultimi due anni l’economia è in fase di crescita e le imprese hanno raggiunto buoni risultati. Ma sono stati gli azionisti e soprattutto i manager e i rappresentanti dei consigli  d’amministrazione ad approfittare a piene mani e in modo sconsiderato della ripresa congiunturale.
 
4% per tutti e ancora di più per le donne
Noi vogliamo che tutto questo cambi. Tutti devono poter beneficiare della ricchezza creata. Tutti meritano un aumento del salario reale del 4%. Una richiesta minima che permette a malapena di coprire l’inflazione accumulata e di colmare il divario degli scorsi anni senza dimenticare la nostra partecipazione alla crescita della produttività.

E per realizzare la parità salariale sono necessari aumenti ancora più consistenti. Solo in questo modo si può eliminare la discriminazione salariale. I datori di lavoro possono permettersi di soddisfare entrambe le richieste.
 
Aumentiamo i salari anche del personale federale!
garaNto e gli altri sindacati della Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC) rivendicano per il 2007 almeno l’1,2% di compensazione del rincaro, la continuazione del versamento dell’indennità dell’1,9% concessa negli ultimi due anni al posto del carovita, e un aumento reale dei salari del 3% ripartito su 2 o 3 anni. Le rendite di PUBLICA devono essere adeguate almeno alla metà del rincaro. Si tratta di rivendicazioni modeste. Da 15 anni ormai i dipendenti della Confederazione attendono un aumento dei salari reali, mentre in settori affini come le banche e le assicurazioni l’incremento reale dei salari ha raggiunto il 12 % dal 1993. I conti della Confederazione chiudono con risultati nettamente migliori rispetto alle previsioni. La Confederazione può e deve permettersi di aumentare i salari. Non può più permettersi di arrancare dietro l’evoluzione generale e rifiutare il normale adeguamento del rincaro.

La concessione di un adeguato aumento dei salari reali è indispensabile per mantenere il potere d’acquisto del personale federale e assicurare nel contempo la competitività della Confederazione sul mercato del lavoro. Una cassa pensione attrattiva, finanziariamente sopportabile sia per gli assicurati attivi sia per i pensionati, costituisce pure un elemento portante di una politica del personale concorrenziale. garaNto e gli altri sindacati della CNPC respingono una riforma di PUBLICA, il cui finanziamento ricade unicamente sulle spalle degli assicurati attivi. La riforma in corso di PUBLICA costituisce una minaccia per il potere d’acquisto della generazione di transizione (dai 45 anni in poi) che rischia di essere confrontata a un aumento massiccio dei premi con prestazioni fortemente ridotte. Dopo il fiasco della riforma di PUBLICA al Consiglio nazionale il Consiglio degli Stati è chiamato a dare un segnale positivo a favore del personale della Confederazione per salvare la riforma da un fallimento definitivo.

Per una maggiore parità nell’amministrazione federale
L’obiettivo della parità fra donne e uomini non è ancora stato raggiunto nemmeno nell’amministrazione federale, anche se le differenze sono meno marcate rispetto all’economia privata. Ad eccezione delle professioni di monopolio le donne guadagnano ancora il 10% in meno rispetto agli uomini alla Confederazione. A livello dirigenziale le donne sono ancora fortemente in minoranza. La Confederazione deve assumere un ruolo guida nella parità fra donne e uomini. La proporzione di donne soprattutto a livello di quadri deve aumentare. Occorre colmare il divario salariale del 10% attraverso misure adeguate. garaNto, vpod e APC chiedono quindi delle valutazioni sistematiche dei posti di lavoro, un controllo efficace della parità salariale e l’eliminazione delle discriminazioni nell’attribuzione dei premi e nelle promozioni.

Per tutte queste ragioni manifesteremo a Berna il 23 settembre prossimo. Aiutateci a realizzare una ripartizione più equa dei salari e un aumento ancora più elevato per le donne, che in alcuni settori deve raggiungere il doppio dell’aumento previsto per gli uomini. Partecipiamo tutti insieme alla manifestazione nazionale sui salari! Affinché il 2006 sia l’anno della svolta in materia di salari e parità salariale.
 
Berna, 23.9.2006; ritrovo alle 13.30 alla Schützenmatte (vicino alla stazione centrale).

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale.

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Greisenkorps GWK: Ausrüstung / Corps de vieillards: équipement / Corpo di anziani: equipaggiamento

Zukunft-GWK_Cgfr-futur_Futuro-Cgcf_GWK-Rollatoren.jpg

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più