Atletica leggera ma non solo

04.05.2013

È sorprendente come alcuni dei nostri soci più impegnati riescano a trovare il tempo per dedicarsi anche ad altre passioni, oltre alla professione, all’attività sindacale, alla famiglia e agli amici. Oggi vi presentiamo il ritratto personale di una delle due rappresentanti ticinesi nel comitato centrale (CC): Lorena Bertoldi e la sua passione per l’atletica leggera.

OZ

 

Passione al 100%

 

Gli hobby sono generalmente uno svago alla nostra vita frenetica, ai quali dedichiamo una notevole parte del nostro tempo libero. Le diverse associazioni, soprattutto sportive, richiedono sempre maggiore professionalità e dedizione, tanto da mettere in discussione la parola “volontariato”, il cuore di tutto il sistema.

 

Ci sono persone che lo fanno così intensamente, che viene spontaneo chiedersi dove trovano tutte le risorse necessarie, e per il tempo libero diventa … passione al 100%. Crediamo di aver trovato la persona giusta, per approfondire l’argomento: Lorena Bertoldi, impiegata presso la Direzione del IV circondario, nel comitato della sezione Ticino di Garanto dal 2002 e da agosto 2009 anche nel comitato centrale. I suoi hobby? Non è necessario fare un elenco, perché ci rendiamo conto che per ogni attività c’è una dedizione incredibile, l’impegno, i sacrifici, tutto con un unico scopo: il volontariato.

 

Valvola di sfogo di tanto duro lavoro è il carnevale. Il calore, la voglia di divertimento e la spensieratezza dei ticinesi è conosciuta in tutta la Svizzera. Da settembre a fine febbraio, c’è la Güggen, la “Lüganiga Band”, dove tra prove, costumi e … Carnevale, le settimane trascorrono senza accorgersi, poi i diversi cortei in Ticino, nel resto della Svizzera e in Italia. Notti di musica e allegria.

 

Ma la vera passione è l’atletica. All’età di sei anni, con l’inizio delle scuole elementari di Massagno, c’è il primo contatto con la SAM, Società Atletica Massagno. L’attività è ludica, ma il desiderio di competizione non manca e subito dal gioco si passa alle competizioni. I risultati arrivano subito soprattutto nella velocità, dove gli allenamenti danno i frutti sperati con le meritate vittorie. Ma come tanti adolescenti, lo studio prende il sopravvento. Ma quella passione per l’atletica è rimasta, accompagnata da una facilità incredibile di trasmettere passione e insegnamento ai più piccoli.

 

Da sette anni segue il settore “Scolari” con ragazzi dai 7 ai 13 anni. Nella SAM questi giovani atleti sono circa 70 che si allenano da uno a due fino a tre volte la settimana (a dipendenza dalle competizioni). Questo significa dalle cinque alle sei ore d’allenamento per settimana, compito molto impegnativo soprattutto perché niente è lasciato al caso. L’esperienza di atleta prima e la formazione G+S in atletica e in G+S Kids, sono le fondamenta per dare ai ragazzi tutti gli strumenti del successo.

 

Ma l’atletica la si vive sul campo e nelle competizioni. Dunque quasi ogni week-end si parte: ritrovo nei pressi del Centro Sportivo, appello sul pulmino e … di corsa si parte. A dipendenza della stagione, le competizioni variano in modo molto significativo. In inverno ci sono i “cross”, corse campestri individuali che variano dai 500 metri per i più piccoli ai 2-3 km per gli scolari U14, solida preparazione di condizione fisica.

 

In primavera le competizioni individuali lasciano il posto alle “staffette di paese”, corse a squadre di tre atleti con diverse distanze (dai 200 ai 600 metri circa per tratta) che permettono di rafforzare le amicizie e creare un sano spirito di gruppo.

 

Con il prosieguo della stagione, iniziano anche le attività in pista con le competizioni “Swiss Athletics Sprint”, gara di velocità 60-80 metri (ai tempi si chiamava “Ragazzo più veloce del Ticino” e le statistiche riportano un primo posto di Lorena Bertoldi) oppure le gare come la “Kids Cup”, manifestazione molto attesa dai ragazzi perché richiede doti in diverse discipline (velocità, lanci e salti).

 

La stagione autunnale riporta gli atleti nelle palestre e ci vede impegnati nella “Kids Cup Team”, dove la SAM primeggia a livello regionale e ben si difende a livello nazionale, tanto da portare diversi atleti alle finali svizzere. Questa manifestazione vede impegnati cinque o sei atleti in squadre che, attraverso il gioco, si sfidano nella velocità, nei salti, nella resistenza con il biathlon e in percorso ad ostacoli in forma di staffetta, dove il clima e il tifo diventano impressionanti per la sfida finale.

 

Qualche cifra: sette squadre alle finali cantonali del 2012 (39 ragazzi), quattro squadre qualificate per la finale regionale e una alla finale svizzera del 16 marzo 2013 a Willisau (LU). Finita la stagione c’è il tradizionale campo d’allenamento estivo in Engadina (in agosto), una settimana all’insegna dello sport e divertimento sia per i ragazzi sia per i monitori.

 

Matteo Corengia, SAM / Lorena Bertoldi

Foto: SAM / Lorena Bertoldi

Indietro

 


Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più

Greisenkorps GWK: Ausrüstung / Corps de vieillards: équipement / Corpo di anziani: equipaggiamento

Zukunft-GWK_Cgfr-futur_Futuro-Cgcf_GWK-Rollatoren.jpg