Cambiamento di primato non prima del 2008

31.12.2005

Revisione totale di PUBLICA

 

Cambiamento di primato non prima del 2008

 

In questa fine d'anno si presenta ancora l’occasione per fare brevemente il punto della situazione sulla revisione totale della nostra cassa pensioni. Una cosa appare fin d’ora certa: il passaggio dal primato delle prestazioni a quello dei contributi non si concretizzerà prima del 2008.

 

Giordano Schera

 

Il 23 settembre 2005 il Consiglio federale ha licenziato il messaggio e il disegno di legge sulla revisione totale della cassa pensioni federale PUBLICA. Il 3 novembre 2005 la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale ha iniziato i lavori. Il 25 novembre 2005 ha deciso l’entrata in materia e respinto la bocciatura proposta dal PS. Nel gennaio 2006 è prevista la discussione di dettaglio in seno alla succitata commissione. Se il rullino di marcia verrà rispettato, il Consiglio nazionale si chinerà sulla questione per primo durante la prossima sessione primaverile. garaNto, APC e SSP/VPOD, le tre associazioni della Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC), hanno lanciato nel novembre scorso una campagna mirata di lobbying, concentrandosi essenzialmente sugli aspetti seguenti:

 

Inizio dell’obbligo assicurativo

Le associazioni affiliate alla CNPC sostengono l’inizio dell’obbligo assicurativo al compimento del 22° anno d’età, come finora. L’innalzamento dell’età di pensionamento dagli attuali 62 anni a 65 è motivato - secondo il Consiglio federale - dallo sviluppo demografico. Tale innalzamento contraddice la politica in materia di personale applicata dal Consiglio federale e supportata dal Parlamento, finalizzata allo smantellamento di posti di lavoro. Anche la tesi sostenuta nel messaggio del Consiglio federale, secondo cui la maggior parte dei dipendenti arriva alla Confederazione a 25 anni compiuti, è fondamentalmente sbagliata, come dimostra ad esempio l’età media d’entrata in servizio all’amministrazione delle dogane o delle contribuzioni.

 

Rendita transitoria

L’ordinamento attuale prevede la possibilità di percepire una rendita transitoria a partire dal 60° anno di età che, come noto, corrisponde al massimo della rendita di vecchiaia semplice. Questa disposizione va assolutamente mantenuta.

 

Ordinamento transitorio

Per gli assicurati tra i 55 e i 65 anni è prevista una garanzia statica, in base alla quale viene corrisposto il 95 percento delle prestazioni alle quali avrebbero avuto diritto secondo il sistema attuale a 62 anni d’età e con 40 anni assicurati. Questa soluzione va intesa come soluzione minima dato che non è conforme alla dichiarazione d’intenti congiunta del 19.12.2003, che prevede il mantenimento dell’attuale livello delle prestazioni.

 

Soluzione per gli assicurati tra i 45 e i 54 anni

Grazie alle nostre caparbie campagne di sensibilizzazione dell'opinione pubblica, il Consiglio federale ha riconosciuto durante la sua seduta del 23 settembre 2005 che il cambiamento di primato comporterà forti perdite per gli assicurati tra i 45 e i 54 anni che, oltretutto, al compimento del 65° anno d’età non raggiungeranno l’attuale livello di prestazioni. Verranno pertanto apportati dei correttivi, introducendo in particolare una ripartizione dei contributi meno onerosa per questa fascia d’età. Se questo provvedimento non basterà, si costituiranno delle riserve prima del cambiamento di primato al fine di accumulare il necessario capitale di copertura.

 

Istituzione di una cassa chiusa per i pensionati

PUBLICA presenta una chiara sproporzione tra assicurati attivi e pensionati: per 50’000 assicurati attivi si contano 43’000 beneficiari di rendite. Per evitare il crollo della cassa pensioni e garantire il necessario equilibrio finanziario, è fondamentale che la Confederazione istituisca una cassa chiusa per i pensionati. Se la cassa chiusa per i pensionati viene stralciata dalla legge, le associazioni della CNPC non sosterranno l'intero pacchetto.

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale. Vi preghiamo di annunciarvi a lv-48PnW8ffk9-ji+bj1-g@nospam entro il 16 agosto.

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più