L’AFD ai blocchi di partenza

14.12.2012

Mandato di prestazioni 2013-2016

 

Il 22 novembre 2012 i quadri dell’AFD si sono riuniti al Kultur- und Kongresszentrum di Thun per assistere alla presentazione del nuovo mandato di prestazioni congiunto per gli anni 2013-2016 dell’AFD.

 

I lavori si sono focalizzati sui nuovi gruppi di prodotti, sulla collaborazione tra l’anima civile e quella uniformata dell’AFD come pure sulla correlazione tra compiti e risorse. 

 

Nuovi gruppi di prodotti

I compiti dell’AFD rimangono invariati. Nuova è invece la suddivisione in quattro gruppi: entrate, economia, sicurezza e migrazione, ambiente e salute. L’altra novità è costituita dall’intensificazione della collaborazione tra dogana e Cgcf volta a migliorare lo sfruttamento delle sinergie esistenti e a incrementare l’efficacia.

 

Collaborazione tra dogana e Cgcf

Il messaggio che il direttore generale delle dogane ha lanciato ai 540 quadri presenti è chiaro e inequivocabile: «Dogana e Cgcf lavorano entrambi in tutti e quattro i gruppi di prodotti». Ciò implica un cambiamento di mentalità da parte di tutti i collaboratori: i mandati di prestazioni separati appartengono al passato; dal 1° gennaio 2013 ne esiste uno solo. Nelle loro presentazioni anche il capo del Cgcf e il direttore del III circondario, in rappresentanza di tutti gli altri, hanno ribadito la volontà di intensificare la collaborazione tra le due anime dell’AFD.

 

Correlazione tra compiti e risorse

Sebbene si limiti ai costi del personale, la nuova correlazione tra compiti e risorse risponde a una richiesta di garaNto. In particolare, assicura maggiore trasparenza poiché permette finalmente di capire quali costi vengono generati dai diversi gruppi, dalla conduzione e dall’attività di supporto. Non da ultimo, consentirà di giustificare meglio davanti a Consiglio federale e Parlamento le richieste di aumento degli effettivi.

 

Lodi della presidente della Confederazione

L’importanza dell’incontro informativo indetto dall’AFD è stata sottolineata dalla presenza della presidente della Confederazione Eveline Widmer-Schlumpf che, nel suo discorso, ha evidenziato i vantaggi del nuovo mandato di prestazioni nel contesto dei sistemi di conduzione sovraordinati, ossia del DFF e del Nuovo modello di gestione dell'Amministrazione federale. Eveline Widmer-Schlumpf ha inoltre lodato le ottime prestazioni fornite quotidianamente dal personale doganale e dalle guardie di confine, affermando che il Consiglio federale, il Parlamento e l’economia apprezzano l’affidabilità dell’AFD e del suo personale. Ha infine invitato i quadri a difendere la buona reputazione dell’amministrazione doganale.

 

garaNto, un esempio

Finalmente l’AFD adotta un mandato di prestazioni congiunto! Una scelta corretta e oggettivamente giustificata che potrà tuttavia produrre il suo pieno effetto solo quando le due anime della nostra amministrazione sosterranno con assoluta convinzione la nuova strategia. I quadri e i collaboratori devono cercare congiuntamente questo successo. garaNto è convinto che le conoscenze e le capacità della dogana civile e del Cgcf possono essere sfruttate ancora meglio, ad esempio intensificando lo scambio di informazioni e organizzando interventi congiunti.

L’AFD deve concedere a se stessa e al proprio personale il tempo necessario per garantire un coordinamento accorto e direttive adeguate e conseguire obiettivi realistici, come avviene del resto per ogni fusione. garaNto ha dieci anni di vantaggio in materia e può senz’altro servire da esempio all’AFD. Visto inoltre che la maggior parte dei collaboratori è affiliata al nostro sindacato, l’avvicinamento tra le due culture professionali non dovrebbe porre particolari difficoltà. Auguri!

David Leclerc, presidente centrale  / André Eicher, segretario centrale

Indietro