Rischio di esclusione dal diritto all’assicurazione

30.04.2010

Rischio di esclusione dal diritto all’assicurazione

In marzo il numero dei disoccupati è calato soprattutto per motivi stagionali – non però a beneficio dei disoccupati con più di 55 anni. Le donne disoccupate con più di 55 anni erano addirittura più numerose che in febbraio. Per queste persone è molto difficile trovare un altro posto di lavoro, e il rischio che diventino disoccupati di lunga durata è alto.

La legge attuale prevede la possibilità di percepire 520 indennità giornaliere, ossia i disoccupati anziani hanno un po’ più tempo di cercarsi un lavoro rispetto ai giovani. Lo smantellamento delle prestazioni deciso dal Parlamento pone i diretti interessati in una situazione sensibilmente peggiore. Una parte dei disoccupati con più di 55 anni riceverà solo 400 indennità giornaliere. In alcuni casi ciò potrebbe implicare un’esclusione dal diritto assicurativo che indurrebbe i diretti interessati a rivolgersi all’assistenza sociale. La conseguenza? Sofferenza sociale per i lavoratori più anziani e addebitamento dei costi a Cantoni e Comuni.

Considerato che nell’Arco giurassiano e in Romandia la disoccupazione è tuttora molto elevata, il Consiglio federale ha deciso di portare a 520 le indennità giornaliere a Ginevra e nel Giura anche per i giovani. Con i tagli alle prestazioni dell’assicurazione disoccupazione decisi del Parlamento, ciò non sarebbe più possibile. Nelle regioni già duramente colpite dalla crisi ne conseguirebbero ulteriori esclusioni dal diritto all’assicurazione.

I dati attuali sulla disoccupazione lo confermano: i tagli decisi dal Parlamento sono totalmente fuori luogo. I sindacati lanciano il referendum.

Daniel Lampart, capo economista USS (08.04.2010)Anche garaNto sostiene il referendum contro la revisione LADI. Firmate la cartolina! La disoccupazione può colpire chiunque in qualsiasi momento.



 

Indietro