Familia & Lavoro

familieberuf.jpg

CAMPAGNA FAMIGLIA & LAVORO. DEVONO ANDARE A BRACCETTO!

Dal sondaggio condotto tra i nostri soci emerge che il tema della conciliabilità è di grande attualità e oggetto di vive discussioni. Le nostre richieste rispondono a un bisogno effettivo. Ecco i risultati.

Andiamo avanti! Evento organizzato dalla CNPC
mercoledì 28 novembre alle 18.00 all’Hotel Kreuz, Zeughausgasse 41, di Berna 

“Cosa fa l’economia privata? Cosa offre l’Amministrazione federale? Quali sono i principi innovativi? Come reagiscono collaboratori e superiori? Quali esperienze sono utili? Quali misure suscitano opposizione? Cosa pensano i nostri soci?”

Discutiamone insieme, partecipate al nostro evento e sentite il parere degli esperti. Input dall’economia privata e dall’Amministrazione federale, tavola rotonda, interventi del pubblico e considerazioni del Consiglio federale:

Con il consigliere federale UELI MAURER, la capa dell’Ufficio federale del personale BARBARA SCHAERER e altri ospiti:

  • CONNY SCHARFE, senior consultant Swiss Re, sulla strategia «own the way you work»,
  • REGULA SCHNEIDER, delegata CdA e presidente della direzione Metron AG Brugg, sulla codecisione e i modelli di orario di lavoro flessibile,
  • YVONNE SEITZ-STRITTMATTER, Head Diversity AXA Winterthur, sul principio della conciliabilità

La moderazione è affidata a PHILIPP BURKHART, capo della redazione a Palazzo federale di Radio SRF.

L’evento si concluderà con un piccolo aperitivo al quale siete tutti caldamente invitati. Vi aspettiamo!

Il nostro sondaggio conferma che il tema è oggetto di vive discussioni tra i soci delle quattro associazioni, Garanto, APC, VPOD e personale fedpol. Sebbene la maggioranza sia favorevole, non mancano le voci critiche secondo cui le nostre richieste sono eccessive.

Da tutti i commenti emerge chiaramente che anche l’assistenza ai famigliari è percepita come un problema che rientra nel quadro della conciliabilità. È una questione che non riguarda solo i genitori con figli piccoli ma anche adulti che a seguito di una malattia o di un infortunio hanno bisogno di assistenza.

Dal punto di vista statistico, prevalgono le tre richieste seguenti che saranno trasmesse durante l’evento del 28 novembre prossimo.

  1. I collaboratori possono lavorare al domicilio (home office) e il lavoro svolto sul tragitto casa-lavoro è considerato tempo di lavoro  57%
  2. Tutti i dipendenti hanno il diritto di tornare al tempo pieno dopo aver lavorato temporaneamente a tempo parziale. Il datore di lavoro è tenuto a fornire una giustificazione nei casi in cui ciò non fosse possibile. 56%
  3. Viene concesso un congedo pagato di quattro mesi al massimo per assistere un familiare ammalato. 50%

Non molliamo e andiamo avanti!

FamigliaLavoro-1_4.9.18_2.pdf

FamigliaLavoro-2_29.10.18_2.pdf