Il Consiglio federale non deve dettare legge in modo unilaterale

30.11.2006

Comunicato stampa della CNPC
 
Il Consiglio federale non deve dettare legge in modo unilaterale 
 
I sindacati garaNto, APC  e ssp delle Comunità di negoziazione del personale delle Confederazione (CNPC) prendono atto con preoccupazione delle ultime decisioni del Consiglio federale in materia di politica del personale.
 
Tenuto conto dei numerosi cambiamenti nelle condizioni di lavoro dei dipendenti federali è in primo luogo sbagliato da parte del Consiglio federale sopprimere circa 200 posti di lavoro nel management del personale. Le continue modifiche del diritto del personale richiedono la presenza di un interlocutore competente per il personale federale. È quindi grave che questa soppressione di posti di lavoro non sia mai stata negoziata con i sindacati. La legislazione federale obbliga il Consiglio federale al rispetto del partenariato sociale. La Comunità di negoziazione del personale della Confederazione protesta contro questa imposizione unilaterale del Consiglio federale.
 
In secondo luogo la CNPC ritiene che il passaggio al nuovo sistema salariale basato su bande salariali non sia urgente. È tuttavia importante che il Consiglio federale apra delle trattative con i sindacati sull’impostazione di fondo prima di prendere una decisione definitiva. L’introduzione di nuovo sistema salariale senza un consistente aumento della massa salariale porta infatti – tenuto della componente salariale variabile prevista nel nuovo sistema - a una redistribuzione dei salari dal basso verso l’alto con conseguenze negative anche sulla motivazione del personale. Questo è inaccettabile.
 
La CNPC sostiene infine che la Legge sul personale federale è ancora troppo giovane per essere sottoposta ad una revisione. I sindacati affronteranno in modo molto critico le proposte del Consiglio federale. Dopo lo smantellamento della cassa pensioni federale PUBLICA e l’insufficiente evoluzione dei salari, da molti anni ormai, è un affronto imporre al personale federale un peggioramento delle norme di protezione dai licenziamenti e un ulteriore inasprimento delle condizioni di lavoro.
 
 
Berna, 30 novembre 2006
 
 
Informazioni:
Giordano Schera, garaNto, tel. 031 379 33 66, Natel 079 322 16 04
 
 
 

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale. Vi preghiamo di annunciarvi subito a chscFB0yFRMAExwGHVwRGg@nospam

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più