In memoria di Jean-Pierre Monti

31.08.2012

Con Jean-Pierre Monti (1946-2012), sindacalista puro sangue ed esperto di polizia, la Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC) perde un collega molto impegnato che negli ultimi anni si era preso particolarmente a cuore il tema delle condizioni di lavoro del personale federale. Nella sua carica di membro della direzione della CNPC, vi si era dedicato anima e corpo. La sua scomparsa è stata un fulmine a ciel sereno. Una delegazione della CNPC gli ha porto l’estremo saluto il 25 aprile 2012 a Alpnach Dorf (OW).

 

La CNPC aveva sperato di poter contare a lungo sull’impegno sindacale e sulle vaste conoscenze di Jean-Pierre Monti che per lunghi anni aveva ricoperto la funzione di segretario generale della Federazione svizzera dei funzionari di polizia (FSFP), dimostrandosi un sindacalista esemplare con un’ottima padronanza dell’attività sindacale sia alla base che nella sua dimensione internazionale. Jean-Pierre Monti non si è mai tirato indietro davanti al confronto a viso aperto e si è guadagnato il massimo rispetto da parte di tutti i partner negoziali.

 

Dopo aver lasciato la FSFP per aver raggiunto l’età di pensionamento, ha messo le sue conoscenze e la sua rete di relazioni al servizio dell’associazione del personale della polizia federale (AP Fedpol). È proprio grazie al suo impegno che quest’ultima ha aderito alla Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC) nell’agosto del 2008. Jean-Pierre Monti aveva infatti capito subito che solo l’associazione mantello delle associazioni del personale federale – altrimenti affiliate all’Unione sindacale svizzera (USS) – avrebbe potuto sostenere adeguatamente la AP Fedpol. D’altro canto, l’adesione della AP Fedpol ha assicurato alla CNPC una base ancora più solida per difendere e rappresentare al meglio gli interessi del personale. Con l’adesione Monti è entrato a far parte della nostra direzione continuando a battersi con abnegazione e competenza a favore dei servizi della polizia federale e dei loro agenti come pure per le tematiche di politica sociale e del personale che riguardano tutti i dipendenti federali.

 

Ci mancano le sue conoscenze, la sua capacità di interagire, le sue vaste competenze e la sua solidarietà – ma soprattutto ci manca la sua persona cortese ed estremamente corretta. Di lui e del suo impegno per la nostra causa serberemo grato ricordo.

 

Rolf Zimmermann, segretariato CNPC

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale. Vi preghiamo di annunciarvi a lv-48PnW8ffk9-ji+bj1-g@nospam entro il 16 agosto.

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più