Non pagheremo la vostra crisi!

19.08.2009

Manifestazione nazionale: sabato 19 settembre 2009, ore 13.30, Schützenmatte, Berna

Lavoro e rendite sicuri

La crisi economica è la diretta conseguenza di una smisurata sete di profitto. Gli ideologi neoliberisti hanno predicato una cieca fiducia nel mercato, i politici hanno tolto ogni freno al capitalismo e i compensi manageriali e i dividendi hanno raggiunto cifre da capogiro. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: i mercati finanziari - che la politica neoliberista ha volontariamente sottratto ad ogni controllo - hanno trascinato l'economia mondiale in una gravissima crisi.

Lo spudorato saccheggio messo in atto dai manager finanziari ha un prezzo molto alto: miliardi di ricchezza creati negli scorsi anni con il duro lavoro dei salariati sono andati in fumo. È scandaloso che i lavoratori, già truffati al momento della ripartizione di tale ricchezza, debbano anche pagare le conseguenze della crisi. Ecco perché scendiamo in strada.

 

Vogliamo rendite sicure e ci opponiamo all'innalzamento dell'età pensionabile delle donne

La maggioranza del Parlamento vuole imporre una riduzione delle rendite dell'AVS e delle casse pensioni e innalzare l'età pensionabile delle donne. Se da una parte la Confederazione e la Banca nazionale hanno racimolato su due piedi 68 miliardi per coprire le perdite realizzate dall'UBS con folli speculazioni, dall'altra il Consiglio federale invita le casse pensioni a ridurre i nostri salari e le nostre rendite per tamponare le perdite realizzate in Borsa. E proprio quando decine di migliaia di persone perdono il posto di lavoro, il Consiglio federale si appresta a peggiorare anche l'assicurazione contro la disoccupazione.

 

Non accettiamo che i lavoratori, i pensionati, le donne e i disoccupati debbano pagare questa crisi.

Garantire i posti di lavoro! Urge un programma di rilancio per la riconversione ecologica

Il Consiglio federale deve finalmente varare un programma di rilancio congiunturale degno di tale nome. Urgono corposi investimenti pubblici nella riconversione ecologica dell'economia e nelle infrastrutture sociali (ad esempio gli asili nido). Rivendichiamo inoltre misure efficaci contro la disoccupazione giovanile e chiediamo l'introduzione del lavoro ridotto per scongiurare i licenziamenti.

 

L'inattività del Consiglio federale danneggia la nostra economia - è ora di destinare risorse alla garanzia dei posti di lavoro.

Garantire il potere d'acquisto, aumentare i salari - fermare l'esplosione dei premi malattia

La domanda di consumo interna è l'ultimo sostegno della nostra economia. L'annunciata esplosione dei premi delle casse malati rischia di far precipitare tale domanda. Solo se sosterremo il potere d'acquisto riducendo i premi e aumentando i salari riusciremo ad impedire un ulteriore aggravamento della crisi.

 

Chi adesso attacca il potere d'acquisto aggrava in modo irresponsabile la crisi

Vogliamo chiudere il casinò finanziario e tornare a regolamentare i mercati finanziari. Chiediamo una politica economica incentrata sui bisogni sociali ed ecologici della popolazione e non sul profitto. Ecco perché scendiamo tutti in strada!

www.uss.ch


Tutti a Berna per la manifestazione del 19 settembre!

garaNto vi invita a partecipare numerosi alla grande manifestazione prevista a Berna sabato 19 settembre 2009 alle 13.30: fate sventolare la nostra bandiera. Vi preghiamo di contattare la vostra sezione per i dettagli della trasferta (treni speciali e bus) e l'incontro a Berna.


Indietro

 


Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più

Greisenkorps GWK: Ausrüstung / Corps de vieillards: équipement / Corpo di anziani: equipaggiamento

Zukunft-GWK_Cgfr-futur_Futuro-Cgcf_GWK-Rollatoren.jpg