Nonostante qualche miglioramento, rimane ancora tanto da fare

Rispetto al sondaggio del 2011, l’AFD ha segnato miglioramenti sotto numerosi punti di vista. Il potenziale di ottimizzazione rimane tuttavia considerevole sia per la carriera civile che per quella uniformata.

All’inchiesta concernente il personale 2014 hanno partecipato 21 700 persone di tutta la Confederazione, pari a una percentuale di risposta del 63 percento. Un dato che costituisce un nuovo record, in particolare se confrontato al esiguo 51 percento segnato nel 2007.

In buona salute

Con una percentuale superiore alla media (87 punti) i collaboratori dell’AFD presentano una buona valutazione per quanto riguarda la salute in azienda. Pur sentendosi bene, auspicano che l’AFD si impegni maggiormente a favore della salute del personale (52 punti) e che migliori le condizioni soprattutto per quanto riguarda gli strumenti di lavoro e l’ergonomia.

Miglioramenti su più fronti

Grazie a condizioni quadro migliori e a ottimizzazioni nell’esercizio, rispetto al 2011, è stato possibile segnare miglioramenti considerevoli in particolare negli ambiti seguenti (da 3 a 7 punti):

  • salario: 65 punti
  • prospettive professionali: 63 punti
  • misure per lo sviluppo: 69 punti
  • plurilinguismo: 66 punti
  • pari opportunità: 74 punti
  • informazioni al personale: 65 punti
  • transfer di conoscenze: 57 punti
  • procedure/processi decisionali: 53 punti.

Garanto accoglie positivamente questi risultati ma sottolinea che, per i criteri succitati, l’AFD rimane tuttora al di sotto della media federale. Eccezioni lodevoli si osservano invece per il transfer di conoscenze e le pari opportunità per i quali l’AFD ottiene addirittura risultati migliori rispetto a quelli della Confederazione.

Conduzione: bene i quadri inferiori

I superiori diretti ottengono risultati nettamente migliori rispetto ai vertici (67 punti contro 59). Le critiche espresse nei confronti dei vertici riguardano la tempistica dell’informazione in merito a cambiamenti importanti, la risoluzione di problemi urgenti o la mancanza di fiducia. L’AFD non è tuttavia la sola a presentare questa divergenza tra superiori diretti e dirigenza: la spaccatura si osserva senza eccezioni in tutte le unità organizzative dell’Amministrazione federale. Ciò non è un buon motivo per non analizzare e ottimizzare il comportamento dei «piani alti».

Peggioramento della collaborazione di gruppo

Purtroppo la collaborazione nei gruppi ha segnato un peggioramento, passando da 75 (2011) a 72 punti. Una delle cause è senz’altro la scarsità di personale. Il lavoro di squadra rimane tuttavia uno dei punti di forza dell’AFD. Una ragione in più per riportare questo dato ai massimi livelli.

Aumento della rassegnazione

L’AFD registra un peggioramento anche per quanto riguarda la rassegnazione. La valutazione è aumentata di 3 punti, per un totale di 45. Sorprende soprattutto la valutazione negativa dei collaboratori francofoni nelle regioni gcf V, VI, VIII e nel circondario III (GE) che oscilla tra 60 e 64 punti. È quindi più che logico che l’AFD voglia ovviare a questa situazione con misure mirate. A questa intenzione devono tuttavia seguire i fatti.

Conciliabilità tra vita professionale e vita privata

In tutta la Confederazione la conciliabilità ottiene giudizi piuttosto critici (68 punti). La media nell’AFD si attesta a 59 punti. La carriera civile supera in parte nettamente sia questo dato che quello dell’Amministrazione federale (da 69 a 74 punti). Fanalino di coda, secondo le attese, il Cgcf con 49. Si spera che il Cgcf dimostrerà maggiore generosità in materia di orari di lavoro flessibili.

Volontà di migliorare ulteriormente

Garanto accoglie favorevolmente le misure previste dall’AFD. È positivo in particolare il fatto che i risultati del sondaggio sono stati valutati per la prima volta anche a livello di uffici doganali e posti gcf – come avveniva già per le unità organizzative della DGD, dei circondari e dei comandi gcf. Ciò offre un quadro più preciso che include la base e permette di adottare misure mirate. Fondamentale rimane tuttavia la volontà della dirigenza di eliminare in fretta e definitivamente le situazioni insoddisfacenti.

André Eicher, segretario centrale

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale. Vi preghiamo di annunciarvi a lv-48PnW8ffk9-ji+bj1-g@nospam entro il 16 agosto.

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più