Pensionati, scarsa considerazione da parte dell'AFD

26.03.2010

Secondo incontro nazionale dei rappresentanti dei pensionati di garaNto

Il 18 febbraio 2010 a Berna si sono incontrati per la loro seduta annuale i responsabili sezionali dei gruppi dei pensionati, i vertici di garaNto e il delegato di garaNto alla commissione dei pensionati dell’USS.

 

Erano presenti tutti i rappresentanti dei gruppi dei pensionati della Svizzera tedesca e del Ticino: Sepp Breitenmoser, sezione rheiN; René Hüppi, sezione ZH; Matthias Rahm, sezione SH; Johann Ulrich Roffler, sezione Nordwestschweiz; Josef Schöbi, sezione BE; Peter Rüedi, sezione Innerschweiz; Ivano Genini, sezione TI; Josef Lehmann, delegato di garaNto alla commissione dei pensionati dell’USS. Si è invece scusato il rappresentante della sezione Romandie, Jean Studer.

Come già un anno fa in occasione del primo incontro nazionale, non sono mancate le discussioni e gli scambi vivaci sulla politica sociale e sulle rendite. I lavori, diretti dal presidente centrale Rolf Uster, dal segretario centrale André Eicher e dal vicepresidente Ernst Wüthrich, si sono focalizzati sul programma di consolidamento per la Confederazione e l’AFD – che altro non è che un nuovo programma di risparmio. Infine si è discusso anche delle attività dello stesso garaNto.

 

Maggiore considerazione: «Più rispetto!» 

I rappresentanti dei pensionati hanno deplorato in particolare il fatto che l’AFD non disponga di un regolamento unitario chiaro per la partecipazione dei pensionati ad eventi che rientrano nella loro sfera di interesse. L’introduzione di un ordinamento in questo senso verrebbe considerato un gesto di stima nei confronti di persone che hanno dedicato molti anni della loro vita all’AFD. Il sentimento di esclusione che subentra dopo il pensionamento induce a chiedere «Più rispetto!» – all’insegna del motto del congresso garaNto 2010. Gli uffici di servizio potrebbero invitare almeno una volta all’anno i loro pensionati. In singole regioni lo si fa, in altre invece no. I responsabili dei gruppi di pensionati sono unanimi nell’affermare che questo semplice gesto produrrebbe grandi effetti e hanno pertanto deciso di sottoporre al congresso 2010 una proposta in questo senso tramite la sezione rheiN.

 

Appoggio alle azioni di garaNto

Il segretario centrale André Eicher ha informato i presenti sul piano d’azione 2010 e si è detto soddisfatto del sostegno tangibile assicurato dai pensionati.

 

Cassa di previdenza

Nel pomeriggio Sandra Fortiguerra della Direzione generale delle dogane ha presentato la Cassa di previdenza del personale doganale, un’istituzione sociale tuttora molto importante per il personale – tanto per gli attivi quanto per i pensionati.

 

Efficienza in aumento

Sepp Breitenmoser, responsabile del gruppo rheiN, che ha fornito un contributo determinante al primo incontro nazionale nel febbraio 2009, si è detto soddisfatto di questo primo anno, soprattutto per il fatto che i pensionati sono stati coinvolti maggiormente nell’organizzazione complessiva su scala nazionale: «L’incontro, ormai diventato regolare, e i contatti più intensi sono più efficaci di ciò che si faceva in passato con l’associazione dei pensionati».

Grazie agli incontri nazionali annuali dei responsabili, una propria rubrica nel sito (www.garanto.ch => pensionati) e un maggiore coinvolgimento nelle attività, garaNto tiene maggiormente conto delle esigenze dei soci pensionati. Il terzo incontro nazionale è previsto a inizio 2011.

OZ

Indietro