Petizione contro la chiusura degli uffici doganali di Zurigo e di altri uffici

Stimato presidente centrale, stimato segretario centrale

 

Ho preso atto del fatto che oltre 600 dipendenti dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD) hanno firmato la petizione contro la chiusura degli uffici doganali di Zurigo e di altri uffici (stato 12 ottobre 2015) con la quale si invita il DFF a revocare la misura e a rinunciare ad altri provvedimenti.

 

Come sapete, per gli anni 2017-2019 il Consiglio federale ha previsto un programma di stabilizzazione volto a ridurre le uscite dell’Amministrazione federale. In questo contesto, l’AFD deve operare risparmi per circa 20 milioni di franchi l’anno di cui 7 milioni a carico del personale. L’AFD ha vagliato diverse misure e le ha sottoposte al DFF. La chiusura di uffici doganali è una di queste.

 

Il Consiglio federale ha posto in consultazione il programma di stabilizzazione 2017-2019 il 25 novembre 2015. Il Parlamento lo approverà prevedibilmente nel dicembre 2016 nell’ambito del preventivo 2017.

 

L’AFD dispone di una rete geograficamente densa di uffici doganali. Solo sfruttando coerentemente le sinergie si possono conseguire risparmi occupazionali nella misura auspicata. Ciò implica, per forza di cose, chiudere o unificare diversi uffici doganali.

 

Consapevole degli svantaggi che la chiusura degli uffici comporta per i partner, l’AFD ha evidenziato le conseguenze negative tra cui le deviazioni del traffico e il carico ulteriore che dovranno sopportare i valichi già molto frequentati. L’AFD si adopererà per continuare a garantire al meglio le proprie prestazioni senza indebolire la piazza economica svizzera.

 

Sono consapevole che la chiusura degli uffici può ripercuotersi negativamente sul personale. Il diritto in materia di personale prevede misure sociali nel caso di una riorganizzazione. Vi posso assicurare che l’AFD quale datore di lavoro cercherà soluzioni adeguate per i collaboratori interessati.

 

Solo la chiusura dell’ufficio doganale di Zurigo è definitiva. Nel caso concreto l’AFD ha dovuto decidere rapidamente, non da ultimo a causa del contratto d’affitto in scadenza a fine 2015. Questa decisione concede inoltre al progetto di riorganizzazione il tempo necessario per l’attuazione.

 

L’AFD intende affrontare gli ulteriori adeguamenti nel primo semestre del 2016 (a seconda dell’approvazione da parte del Parlamento). L’AFD informerà con trasparenza il personale e i partner interessati sull’ulteriore modo di procedere.

 

Cordiali saluti

 

Jörg Gasser, segretario generale

 

(TRADUZIONE: GARANTO)

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale. Vi preghiamo di annunciarvi subito a 3bSzu7KduryvvLOpsvO+tQ@nospam

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più