Stop agli aumenti delle tariffe postali!

15.09.2014

L’aumento delle tariffe postali mette a repentaglio l’esistenza della stampa associativa. La Posta ha il mandato legale di garantire il recapito dei giornali regionali e locali e della stampa associativa. Deve adempierlo nel senso di un sostegno indiretto ai media applicando tariffe di favore.

 

Già nel 2013 l’uniformazione del sistema tariffario ha rincarato in media del 6% gli invii della stampa associativa. A inizio 2014 la Posta ha avviato un nuovo aumento, scaglionato sull’arco di tre anni, per il recapito dei giornali. Questa decisione minaccia la sopravvivenza della stampa associativa: un aumento dei costi che potrebbe raggiungere il 50% non è sostenibile per molti giornali.

 

In una lettera aperta inviata il 3 settembre 2014 alla consigliera federale Doris Leuthard, molte testate e organizzazioni, tra cui anche Garanto, invitano la Confederazione a perorare la loro causa davanti alla Posta.

 

USS (03.09.2014)

Indietro