Primi successi della mobilitazione a Ginevra: spazzato via il blocco del personale

A Ginevra cominciano a delinearsi i primi effetti della grande mobilitazione contro i tagli al servizio pubblico.

 

Il Gran Consiglio ha ritirato il progetto che prevedeva il blocco del personale, contro il quale i sindacati avevano lanciato un referendum peraltro riuscito. Ciò significa che non vi sarà nessuna votazione. Dal canto suo, il governo ha fatto marcia indietro in merito alla soppressione delle indennità per anzianità di servizio che verranno corrisposte almeno ancora per il 2016.

 

Lottare vale la pena

Una vittoria di tappa quindi per il personale che in novembre e dicembre 2015 aveva indetto uno sciopero di sette giorni e numerose manifestazioni contro i tagli. Marc Simeth, presidente del Cartel intersyndical che ha coordinato le azioni, osserva: «Abbiamo potuto renderci conto da subito che le nostre proteste si sono rivelate efficaci. Tutti coloro che hanno partecipato allo sciopero possono esserne fieri».

 

Prolungare i negoziati

Tuttavia, queste vittorie intermedie non devono trarre in inganno: i negoziati con il Consiglio di Stato sulle ulteriori misure sono infatti a un punto morto. Il governo vuole prolungare l’orario di lavoro, agevolare i licenziamenti e non rioccupare i posti vacanti. Inoltre, sebbene prima dei negoziati abbia comunicato di non escludere interventi sul fronte delle entrate, ha di fatto bocciato tutte le proposte formulate in questo senso dai sindacati (tassa di solidarietà sui redditi più alti, impiego degli utili delle regie statali). Per questo motivo, si è deciso di prolungare di un mese i negoziati che si concluderanno quindi il 22 aprile 2016.

 

La prossima data cruciale cade però a fine marzo 2016, quando il Consiglio di Stato presenterà i conti. È probabile che il consuntivo risulterà migliore del preventivo e che sia quindi più facile giungere a una soluzione. Fino ad allora il personale del servizio pubblico a Ginevra rimane mobilitato.

 

Anne Rubin, USS (09.03.2016)

Foto: Cartel intersyndical du personnel de l'État et du secteur subventionné (GE)

Indietro

 

Rollator-Grenzwaechter_.jpg

Assemblea straordinaria delle guardie di confine a Olten: martedì, 5 sett. 2017, dalle ore 11 alle 14

Kulturzentrum Schützi, Olten: Contro l'aumento dell'età del pensionamento a 65 anni! Discussione sulle misure ed azioni contro la decisione del Consiglio federale.

Kulturzentrum Schützi, Olten
Kulturzentrum Schützi, Olten

Greisenkorps GWK: Ausrüstung / Corps de vieillards: équipement / Corpo di anziani: equipaggiamento

Zukunft-GWK_Cgfr-futur_Futuro-Cgcf_GWK-Rollatoren.jpg

Chi ha paura della valutazione del personale? Scheda informativa di Garanto

più