Seduta del comitato centrale del 7/8 dicembre 2017

Ecco in breve le decisioni adottate dal CC:

Il caso della guardia giudicata colpevole dal Tribunale militare ha tenuto banco anche prima della seduta. Dopo accurata riflessione, il CC ha deciso di pubblicare spontaneamente un comunicato stampa.

Finanze: un’eventuale eccedenza nei conti 2017 andrà accantonata in vista del congresso. Il preventivo 2018 è stato approvato all’attenzione dell’assemblea dei delegati.

In merito al previsto innalzamento dell’età di pensionamento per le guardie di confine, la parola passa ai membri che potranno decidere democraticamente attraverso un sondaggio l’iter da seguire.

Nel mese di settembre 2018 è in programma un corso di formazione in tedesco.

All’unanimità si è deciso di non partecipare alla consultazione sull’adozione della direttiva UE sulle armi.

I servizi e le agevolazioni per i nostri soci verranno rivisti più avanti, quando si discuteranno anche le nuove offerte. Per il momento si rinuncia a una proposta di Freedreams.

Discussioni

I membri del CC fanno il punto della situazione sulle attività svolte dai vari gruppi di lavoro nell’ambito della riorganizzazione.

Il gruppo di lavoro competente per il traffico viaggiatori Cgcf, in seno al quale Robi Bucher ha potuto far valere alcune buone soluzioni, ha concluso i propri lavori. Il 1° luglio 2018 il Cgcf assumerà revisori per l’ultima volta.

La prossima seduta del gruppo di lavoro competente per l’antifrode, nel quale Ivan Wüthrich rappresenta gli interessi di Garanto, è invece prevista nella settimana 50.

Robi Bucher dà voce al personale anche in seno al gruppo che si occupa della riorganizzazione. Questo gruppo non adotta tuttavia decisioni operative.

Il presidente centrale Roland Liebi fa parte del gruppo di lavoro per gli alloggi di servizio, mentre il vicepresidente Bernd Talg siede in quello per DaziT.

Il CC prende atto del fatto che il numero di soci è diminuito di 50 unità, meno di quanto temuto. Non si può però certo stare a guardare come ha confermato la collaboratrice del segretariato Debora Caminada nella sua presentazione ricca di interessanti proposte.

Heidi Rebsamen, segretaria centrale

Indietro