Riduzione del tasso d’interesse tecnico presso Publica: aumento dei contributi di risparmio individuali

16.09.2014

A causa delle prospettive di rendimento sempre basse, il 18.12.2012 la Commissione della Cassa Publica ha deciso di ridurre con effetto dal 1° gennaio 2015 il tasso d’interesse tecnico per le casse di previdenza aperte. Per impedire in futuro rendite più basse, l’Organo paritetico della cassa di previdenza della Confederazione ha inoltre deciso di aumentare i contributi di risparmio.

Il 20 agosto 2014 il Consiglio federale ha approvato i nuovi contributi di risparmio nella cassa di previdenza della Confederazione. Nei calcoli di Publica, il tasso d’interesse tecnico illustra i ricavi attesi sul mercato dei capitali. Secondo le previsioni, anche in futuro il reddito dovrebbe permanere basso. Per mantenere a lungo termine l’equilibrio finanziario di Publica, il tasso di interesse tecnico dovrà essere ridotto dal 3,5 al 2,75 per cento.

Oltre all’aspettativa di vita, il tasso d’interesse tecnico costituisce la componente principale ai fini della determinazione dell’aliquota di conversione. Questa viene utilizzata per calcolare la rendita individuale. Se il tasso d’interesse tecnico diminuisce, anche l’aliquota di conversione scende e – senza contromisure – anche le rendite attese dei collaboratori dell’Amministrazione federale.

La Commissione della Cassa Publica e il Consiglio federale si sono pronunciati a favore del mantenimento dell’attuale livello delle prestazioni nonostante la diminuzione dell’aliquota di conversione. Da un lato sono stati costituiti accantonamenti che con effetto dal 1° gennaio 2015 verranno distribuiti proporzionalmente sugli averi di vecchiaia dei collaboratori, e, d’altro lato, i contributi di risparmio mensili individuali aumenteranno. In data odierna il Consiglio federale ha approvato un aumento dei contributi di risparmio a partire dal 1° gennaio 2015.

L’aumento dei contributi di risparmio è finanziato nella misure dell’80 per cento dal datore di lavoro. La sua quota è interamente compensata mediante la riduzione dei premi di rischio, la soppressione dello sgravio contributivo e la nuova impostazione della rendita transitoria. Il rimanente 20 per cento è sopportato dai collaboratori. I loro contributi mensili individuali aumentano al massimo di 0,6 punti di percento, a dipendenza dell’età e della classe di stipendio.

UFPER (20.08.2014)


Dimostrandosi particolarmente combattiva, la Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC) – composta da Garanto, APC, SSP/VPOD personale federale e AP Fedpol – ha ottenuto un risultato importante: il datore di lavoro assume il carico maggiore (80%) dell’aumento dei contributi di risparmio. (Red.)


Indietro