Servizio pubblico da tutelare

29.05.2018

L'Unione sindacale svizzera adotta una risoluzione per chiedere che cessino le pressioni dovute ai programmi d'austerità

I delegati dell'Unione sindacale, riuniti in assemblea venerdì a Berna, hanno adottato una risoluzione a difesa del servizio pubblico, "messo costantemente sotto pressione con programmi d'austerità".

Nel testo si denunciano progetti di riduzione d'imposta "devastanti" e si chiede un'imposizione minima così da impedire la concorrenza fiscale tra cantoni.

"Assurdi esperimenti" e logica di mercato minacciano di distruggere quanto acquisito nel settore e, per questa ragione, si domanda ad esempio che il trasporto nazionale e internazionale di passeggeri non sia liberalizzato. Ci si preoccupa pure per il "violento degradarsi" delle condizioni nei rami dell'informazione e della sanità, s'invoca la conclusione di contratti collettivi di lavoro e si pretende che gli stipendi dei dirigenti delle ex regie non superino i 500'000 franchi annui.

ATS/dg

Indietro