27 giugno 2018 / Comunicati stampa

Finanze federali col vento in poppa: le associazioni del personale chiedono di abrogare le misure di risparmio e aumentare il salario a tutto il personale

Il Consiglio federale ha comunicato oggi le previsioni sulle entrate per l’anno in corso e per il prossimo. Per il 2018 prevede un’eccedenza rispetto al preventivo di 1,3 miliardi di franchi. Un quadro analogo si profila per il 2019. Le finanze federali godono quindi di ottima salute. In questo contesto appare quanto meno assurda l’intenzione dell’Esecutivo di mantenere la linea di austerità, in particolare di operare nuovi tagli in seno a Agroscope e all’Ufficio federale delle abitazioni (UFAB). Se queste misure di risparmio sono già state annunciate, altre seguiranno.

La Comunità di negoziazione del personale della Confederazione (CNPC), composta da APC, Garanto, VPOD e personale fedpol, chiede di fermare immediatamente le misure di austerità e ribadisce l’esigenza di concedere un aumento salariale a tutto il personale federale. Unitamente a tutte le altre associazioni, la CNPC ha esortato il consigliere federale Ueli Maurer a inserire nel preventivo 2019 un 1,5% per misure salariali. Il rincaro previsto ammonta da solo allo 0,6% (stato al primo trimestre 2018). Il personale federale merita chiaramente di più visto inoltre che la buona situazione finanziaria è favorita anche dalla sua motivazione e disciplina. 

Informazioni:

·        Christof Jakob, presidente CNPC e segretario VPOD, tel. 077 447 29 03

·        Janine Wicki, segretaria generale APC e membro della direzione CNPC, tel. 079 238 10 40